Antitrust: dopo intervento Autorità meno vincoli per gli affiliati Mc Donald’s

Chiusa con impegni l’istruttoria avviata per presunto abuso di dipendenza economica. Ora il nuovo standard contrattuale consente di limitare il gap di diritti e di obblighi che si crea tra il licenziatario e la sua rete di franchisee

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha chiuso l’istruttoria per presunto abuso di dipendenza economica nei confronti di McDonald’s Development Italy LLC (MCDI) accettando gli impegni proposti.

In particolare, il procedimento riguardava alcune condotte attuate da MCDI nei confronti dei propri affiliati, gestori della rete di ristoranti a insegna Mc Donald’s, che consistevano nell’imporre un insieme di condizioni e di obblighi idonei a condizionarne indebitamente l’attività imprenditoriale e a comprimerne in modo ingiustificato i margini di redditività.

Le presunte condotte abusive prese in considerazione in sede di avvio interessavano, oltre a una serie di clausole inserite nei contratti di affitto di ramo di azienda e/o franchising e le condizioni applicate agli affiliati durante e al termine del rapporto negoziale, anche alcuni comportamenti adottati nel periodo precedente alla stipula del contratto. In particolare, la gestione della fase pre-contrattuale da parte di MCDI sembrava togliere ai futuri affiliati, già al momento della stipula del contratto, potere negoziale e alternative di scelta.

Nel complesso, l’Autorità ha ritenuto gli impegni proposti da MCDI idonei a rimuovere le preoccupazioni concorrenziali connesse a tutti i profili di abuso di dipendenza economica ipotizzati nel procedimento di avvio. È stata sensibilmente modificata l’intera gestione della fase pre-contrattuale, in modo da garantire la piena consapevolezza – da parte degli aspiranti affiliati – dei contenuti dell’accordo che andranno a firmare, nonché degli obblighi e degli impegni, oltre che della profittabilità, legati all’attività di gestione di un ristorante Mc Donald’s, riducendo anche i costi sostenuti per l’attività di formazione.

Secondo l’Autorità il nuovo standard contrattuale proposto da MCDI è in grado di limitare in modo significativo il divario di diritti e di obblighi che si crea tra il licenziatario e la sua rete di franchisee contestualmente all’instaurazione del rapporto di affiliazione. Infine, le precisazioni che MCDI si è impegnata ad inserire nei contratti, soprattutto con riferimento al riconoscimento dell’autonomia dei licenziatari in tema di politiche commerciali e di scelta dei fornitori, sono state ritenute idonee a garantire ai franchisee un adeguato margine di autonomia nelle scelte imprenditoriali.

Roma, 30 giugno 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: